Situata al centro di Malta, Mdina, conosciuta anche come la “Città Silenziosa”, fu la capitale di Malta sino al 1530 e tutt’oggi conserva ancora un aspetto unico e affascinante. La città è ormai abitata da poche centinaia di persone e all’interno si possono ancora trovare meravigliosi palazzi delle maggiori famiglie nobiliari maltesi. Le sue strade strette circondate da edifici antichi non vi lasceranno indifferenti.

Meno turistica, la sorella Rabat non è da meno. Rabat formava una città unica con Mdina. Furono gli arabi che, per una difesa militare più efficace, divisero la città in due da un fossato. Inoltre, la storia di questo villaggio è legata alla nascita del cristianesimo a Malta. Qui l’apostolo San Paolo si rifugiò durante il suo viaggio verso Roma e lascio un segno indelebile che influenzò per sempre quella dei suoi abitanti.

In questo articolo andiamo alla scoperta di queste due località dove si concentrano veri e propri tesori storici e architettonici.

LA GUIDA A COSA VEDERE A MDINA
Tutte le cose da fare nell’antica capitale di Malta

Breve storia di Mdina

Fondata dai Fenici 3000 anni fa, Mdina si distingue per i suoi maestosi palazzi medievali e rinascimentali e per le sue splendide chiese e fortificazioni. In epoca romana, veniva chiamata Melita, prima di essere ribattezzata Mdina (“la città”) dagli arabi che la dominarono per diversi anni. Sono loro che hanno fortificato la città e l’hanno circondata da alte mura che tutt’oggi costituiscono il perimetro della città.

Conosciuta anche come la “Città silenziosa” – oggi conta solo 300 abitanti -, Mdina è arroccata su uno dei punti più alti dell’isola. Fu la capitale di Malta fino all’arrivo dei Cavalieri dell’Ordine di San Giovanni di Gerusalemme nel 1530, che trasferirono il loro quartier generale a Birgu e costruirono una nuova capitale, Valletta.

Gate di Mdina

Una volta arrivati a Mdina, poco distante dalla fermata dell’autobus, troverete i bastioni costruiti dagli arabi e completati dai cavalieri che portano al Gate d’ingresso. La porta principale della città fu eretta nel 1724 su progetto di Charles François de Mondion, un architetto francese a cui si devono molte opere a Malta. Il Gate è fiancheggiato da due leoni come simbolo di prestigio.

Appena attraversata la porta, giratevi per vedere le incisioni rupestri in bassorilievo che richiamano i santi protettori della città: San Paolo, San Publio e Sant’Agata.

Palazzo Vilhena

Subito dopo aver attraversato le porte d’ingresso, arriverete alla Piazza San Publio dove sulla destra ha luogo il Palazzo Vilhena. Costruito nel 1730 per volontà del Gran Maestro Vilhena e progettato da Charles François de Mondion, questo palazzo è un bell’esempio di architettura barocca francese a Malta nel XVIII secolo. L’edificio oggi ospita il Museo Nazionale di Scienze Naturali, ma in passato era un’università medievale.

Mdina è rinomata per l’arte della soffiatura del vetro, che affonda le sue radici in questa zona dell’isola. Di fronte al Palazzo Vilhena troverete il negozio di Mdina Glass dove vendono tanti oggetti in vetro soffiato. Ottimi come souvenir!

Sempre in Piazza San Publio, accanto al negozio, si trova la Torre dello Stendardo, che ospita l’Ufficio del turismo locale.

Museo delle torture

Nella stessa pizza, alla destra dell’ingresso del Palazzao Vilhena, vi si trova il Mdina Dungeouns. Si tratta del museo delle torture dove vengono raccontati i supplizi inflitti ai prigionieri durante il medioevo. La statue di cera riproducono fedelmente il contesto dell’epoca e la visita viene accompagnata da rumori, urla, pianti e musica. Un’esperienza tenebrosa da non perdere! Biglietto d’ingresso: 5 euro a persona.

Cattedrale di San Paolo e il museo

Proseguendo sulla sinistra dal negozio Mdina Glass, arriverete all’ampia Piazza San Paolo su cui sorge la Cattedrale di Mdina, la quale fu costruita sui resti di un edificio medievale quasi completamente distrutto durante un terremoto nel 1693. Questa chiesa è molto importante poiché si dice che è il luogo dove l’apostolo San Paolo avrebbe convertito al cristianesimo il governatore romano Publio, successivamente diventato il primo vescovo di Malta.

Noterete che sulla facciata della Cattedrale ci sono 2 campanili e 2 orologi: quello a sinistra funge da calendario (mesi e giorni) e quello a destra indica l’ora.

Si dice che l’orologio a sinistra serviva per ingannare il diavolo, così da non sapere l’ora giusta della messa.

Vi consigliamo vivamente di visitare l’interno della chiesa che contiene bellissimi affreschi, dipinti, sculture e altri oggetti di culto.

Alla destra della Cattedrale c’è il suo museo in un imponente palazzo barocco. Al suo interno troverete preziose collezioni di opere d’arte, monete, antichità romane e documenti originali risalenti all’Inquisizione.

  • Biglietto d’ingresso (Cattedrale + museo): 5 € / adulto; 3,50 € / studenti; gratuito per bambini sotto i 12 anni.

Palazzo Falson

Proseguendo per la strada principale – Triq Villegaignon -, arriverete al Palazzo Falson, noto anche come Casa Normanna. Questo è l’edificio medievale meglio conservato di tutta Mdina. Costruito nel 1495 per il vice ammiraglio di Aragon, Antonio Falzon, il Palazzo fu successivamente acquistato nel 1927 come dimora dal capitano svedese Olaf Gollcher, ultimo abitante e proprietario della casa.

Oggi il Palazzo Falson è diventato un museo che contiene non meno di 55 collezioni di dipinti, argenteria, mobili, gioielli, tappeti e stemmi, oltre a una notevole biblioteca contenente più di 4500 libri e manoscritti di grande valore. Tutto questo apparteneva al filantropo Gollcher, un grande collezionista dell’epoca.

Biglietto d’ingresso:

  • Adulti: 10 €
  • Studenti: 5 €
  • Anziani: 5 €
  • Bambini (6-12 anni) : gratis

Vista dai bastioni e Fontanella

Restando sempre sulla strada principale, si arriva ad una piazza dove, salendo un paio di scalini, si potrà ammirare la vista suggestiva dell’isola. Da qui noterete spiccare una cupola, si tratta della Rotonda di Santa Maria Assunta, la celebre chiesa di Mosta.

A due passi dal belvedere, proseguendo per Triq Is Sur, arriverete al celeberrimo Fontanella, locale famoso in tutta Malta per le sue fantastiche torte. Vi consigliamo di fare una sosta e provare qualche specialità culinaria maltese.

Palazzo de Piro

Image result for palazzo de piro

Sempre sulla stessa viuzza, arriverete Palazzo de Piro, edificio storico costruito nel 17 ° secolo: un altro esempio di architettura barocca maltese. Oggi ospita il Museo degli Attrezzi, dei Mestieri e delle Tradizioni, un bistrò e un hotel a 5 stelle. Il contesto è molto carino e nella terrazza esterna si gode di una magnifica vista dell’isola.

Giardini di Mdina

Situati nel fossato della città, questi giardini offrono un’atmosfera molto piacevole dove passeggiare. L’accesso ai giardini può essere effettuato tramite l’ascensore situato vicino al parcheggio principale o tramite le scale.

Cosa vedere a Rabat

Da Mdina, si può raggiungere la città Rabat a piedi in meno di 10 minuti. Dalla rotonda, dove si trova il terminale degli autobus, prendete Triq San Paul.

Potete visitare il villaggio camminando tra le tipiche stradine che vi condurranno alla piazza principale – Pjazza San Pawl – dove si erige la maestosa Cattedrale di San Paolo.

Il nome della città deriva dalla parola araba “sobborgo”, poiché era il quartiere periferico abitato della vecchia capitale Mdina. Vediamo le attrazioni principali di questo storico villaggio maltese.

Oltre ai film Munich e Black Eagle, a Rabat sono state girate scene della serie GOT. Per saperne di più, vi rimandiamo all’articolo dove hanno filmato Game of Thrones.

Cattedrale di San Paolo

Image result for s paul chruch rabat

La Chiesa Collegiata di San Paolo è una chiesa parrocchiale cattolica romana situata nella piazza principale di Rabat. La chiesa fu costruita quando Rabat e Mdina erano unite e formavano la città romana Melita. Il progetto per rinnovare la chiesa dell’architetto maltese Lorenzo Gafà durò 30 anni e finì nel 1683.

Catacombe di San Paolo e Santa Agata

Le catacombe di San Paolo sono un sito archeologico composto da un complesso di cimiteri romani sotterranei interconnessi e accessibili dalla chiesa di San Paolo, che erano in uso durante il III secolo d.C. I primi cristiani praticanti a Malta crearono questi cimiteri poiché la legge romana proibiva la sepoltura dei morti nelle città.

Queste catacombe sono la più antica e importante testimonianza archeologica del cristianesimo a Malta. Oltre alle tombe, contengono affreschi rupestri, incluso il nome di un certo Eutychion.

Secondo la Bibbia, quando fu naufragato sull’isola nel 60 d.C., l’apostolo San Paolo rimase per tre mesi in una grotta vicino alle catacombe accessibili dalla chiesa di San Paolo.

Le catacombe di Sant’Agata ospitano affreschi, 500 tombe, tra cui di bambini, e altari usati per celebrazioni funebri. Si dice che in questo sito si rifugiata una giovane siciliana venuta a Malta per sfuggire all’imperatore Decio.

Orari di apertura e biglietti:

  • dal lunedì alla domenica: 09.00–17.00. (ultimo accesso alle 16.30);
  • Adulti: 5€, Ragazzi dai 12 fino 17 anni: 3,50€; Bambini dai 6 a 11 anni; 2€

Museo Wignacourt

The Wignacourt è un museo in un palazzo barocco che fu la residenza dei cappellani dei Cavalieri di Malta. Contiene dipinti di prestigiosi pittori come Mattia Preti, Antoine Favray, Francesco Zahra e altri artisti maltesi ed europei, nonché opere che documentato la storia dell’Ordine di Malta.

Biglietti d’ingresso:

  • Adulti: 5 €
  • Studenti e bambini (da 12 anni) : 3,50 €
  • Anziani (da 61 anni) : 3,50 €
  • Bambini (7-11 anni) : 2,50 €

Il biglietto include la visita al museo, le catacombe e la grotta di San Paolo, il santuario di Saint-Publius e i rifugi antiaerei risalenti alla Seconda Guerra Mondiale.

Domus Romana

La Domus Romana situata a Rabatè un’antica domus romana risalente al I secolo a.C. AC, e su cui fu successivamente istituita una necropoli musulmana nel XII secolo. La sua scoperta fu per caso nel 1881 durante lavori pubblici. Dal 1882, il luogo è aperto al pubblico e oggi è un piccolo museo delle antichità romane dell’arcipelago maltese.

Come arrivare a Mdina e Rabat

Raggiungere Mdina in l’autobus è facile ed è ben connessa con tutta l’isola. Vediamo le linee degli autobus principali da tutta l’isola:

  • Dall’aeroporto: X3
  • Da Valletta: 50515253
  • Da Sliema – St Julian: il 202
  • Da tutto il nord: St. Paul’s Bay, Bugibba, Qawra: 186, X3

Dove dormire a Mdina e Rabat

Mdina e Rabat hanno alcuni hotel tra cui il magnifico Xara Palace Relais & Chateaux, un palazzo del 17 ° secolo con architettura barocca. Tuttavia, poiché la zona è (troppo) tranquilla la sera, vi consigliamo di soggiornare nella parte centro-orientale dell’isola (Sliema, St Julian’s ecc.). Da lì sarà anche più facile raggiungere le aree turistiche, oltre ad avere tutta alla portata di mano.

Non esitate a consultare il nostro articolo sui posti migliori dove soggiornare a Malta con consigli e informazioni utili.

Una buona mezza giornata è sufficiente per visitare Mdina e Rabat, le due città sono piccole e vicine l’una all’altra. Naturalmente, se avete intenzione di visitare alcuni musei, ci vorrà più tempo. Contate quindi un giorno. Si consiglia di iniziare con Mdina. Buona visita!

ALTRI ARTICOLI CHE VI POTREBBERO INTERESSARE:

Cosa fare a Valletta

Cosa vedere a Sliema

Cosa vedere a Mellieha

Mdina e Rabat: cosa vedere nell'antica capitale maltese
4.6Punteggio totale
Voti lettori: (24 Voti)
Condividi con i tuoi amici
  • 108
  •  
  •  
  •  

A proposito dell'autore

GiraMundo a Malta

Viviamo Malta da più di 5 anni e abbiamo creato la prima guida di Malta on-line con informazioni utili e gratuite per chiunque voglia venire in vacanza a Malta e per chi voglia vivere a Malta. Il tutto con un tocco originale.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

error: Il contenuto è protetto ;)