Diversamente da ciò che si può immaginare, le “Tre Città” di Malta sono caratterizzate da tre piccoli centri storici, i quali insieme misurano un raggio di circa un chilometro, e contano poco più di 10.000 abitanti. Un tempo conosciute come le città fortificate dell’isola, Birgu, Bormla e Senglea sono state teatro di numerosi scontri e battaglie che hanno colpito Malta nel corso dei secoli, e le loro fortificazioni venivano indicate con il termine “Cottonera”, il quale oggi rappresenta appunto le “Tre Città”.

Queste località, ben protette all’interno dello stretto golfo di Grand Harbour, si trovano esattamente di fronte alla capitale La Valletta, nella parte sud-orientale dell’isola.

Scopriamo le Tre Città di Malta

Birgu (Vittoriosa)

Lungo mare Vittoriosa

La più antica delle Tre Città, Birgu, risale al tempo dei Fenici, e divenne capitale dell’isola con l’arrivo dell’Ordine dei Cavalieri Ospitalieri nel 1530. La città si guadagnò il titolo di “Vittoriosa” grazie all’esito positivo a fronte del Grande Assedio di Malta del 1565 da parte dell’Impero Ottomano, il quale portò alla fondazione della nuova capitale dell’isola sul lato opposto del golfo: La Valletta. Tra le principali attrazioni turistiche di Birgu vi sono:

  • Ingresso della città: per accedere a Birgu sarà necessario attraversare la Porta d’ingresso facente parte di un edificio storico dove ha luogo il Museo della Guerra. Nella parte circostante troverete i giardini di Birgu chiamati Ditch Gardens che percorrono parte del perimetro dell’edificio storico.
  • Palazzo dell’Inquisitore: proseguendo per la strada principale Triq P. Boffa, troverete questo palazzo anch’esso costruito dai Cavalieri Ospitalieri nel 1530, e subì numerosissime modifiche nell’arco dei suoi 5 secoli di storia. Oltre alle stanze dell’Inquisitore e del tribunale, e alle celle della prigione, al suo interno si trova anche il Museo nazionale Etnografico di Malta.
  • Lungomare e porto: Uno dei luoghi più piacevoli di Birgu è il porto. Troverete tanti ristoranti e locali e alla fine della passeggiata troverete il Forte Sant’Angelo che si affaccia a Valletta.
  • Forte Sant’Angelo: costruito nell’Alto Medioevo, il forte venne ristrutturato prima dai Cavalieri Ospitalieri tra il 1530 e il 1560, e poi nuovamente nel XVII secolo da Carlos de Grunenbergh. La struttura fu il quartier generale dei Cavalieri di Malta durante il Grande Assedio, ed è oggi in gran parte aperto ai visitatori.
  • Stradine interne e edifici storici: allontanandovi dal porto potrete esplorare l’interno della città. I vicoli di Birgu sono stretti, pensati una volta per confondere il nemico, e sono popolati da villette in stile vittoriano. Il fascino autentico della città è sicuramente nelle stradine di Birgu meno conosciute, tra le quali troverete la Norman house, una delle più antiche case di Malta.

L-isla (Senglea)

Senglea, Malta

Questa città venne costruita dai Cavalieri Ospitalieri in seguito all’invasione di Gozo del 1551 da parte degli Ottomani, precisamente sulla piccola isola che i Cavalieri stessi unirono poi alla terraferma trasformandola in una penisola, motivo per cui la città viene anche chiamata L-isla. Senglea è anche conosciuta come “Città Invicta”, sempre per via del successo ottenuto contro l’invasione Ottomana del 1565. La città non è molto grande, tuttavia potrete visitare:

  • Gardijola Gardens: questi giardini offrono un panorama mozzafiato verso la Valletta. Non sono molto grandi, ma il luogo ideale per rilassarsi. In questi giardini si trovano un paio di piccole torri di controllo ancora accessibili dove poter scattare foto memorabili.
  • Basilica di Senglea: nota anche come Knisja Maria Bambina o Basilica della Natività di Maria fu costruita nel 1580, fu in parte distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale, e poi in seguito ricostruita. Fu innalzata in onore della grande vittoria di Malta del 1565 sugli Ottomani. L’attrazione principale della basilica è una statua lignea di Maria, conosciuta come Il-Bambina, la quale fu scolpita e dipinta tra il 1618 e il 1631. L’autore di questa opera è ancora sconosciuto.
  • Lungomare: come a Birgu, anche il lungomare di Senglea è molto piacevole e si possono trovare diversi ristoranti.

Bormla (Cospicua)

Cospicua

Bormla è l’ultima e la più grande delle “Tre Città”, nonché la più interna, tanto che gode di ben due cinte di fortificazioni distinte: la Santa Margherita e la Cottonera. Secondo Wikipedia, le origini del nome derivano da “Bir-Mula”, che significa “il pozzo del Signore”, mentre il nome “Cospicua” fu affidato alla città nel 1722 dal Gran Maestro dell’Ordine di Malta Marc’Antonio Zondadari.

La città è situata tra le città di Vittoriosa e Senglea che le unisce e fu l’ultima delle Tre Città ad esser costruita. La città non offre particolari cose da vedere, ma se venite in traghetto ci capiterete per forza in quanto vi si trova il terminale. Se avete il poco tempo a disposizione, non vi consigliamo di dedicare una visita approfondita di questa città. Le principali attrazioni della città sono:

  • Lungomare: come per tutte le 3 città, il lungomare è molto suggestivo. Nel lungomare vi si trova il terminale del traghetto che fa da spola con la Valletta. Proseguendo il percorso pedonale per poco più di 5 minuti, vi ritroverete a Birgu.
  • Immaculate Conception Church: in italiano la Chiesa dell’Immacolata Concezione, questo luogo di culto è locato sul lungomare di Bromla e fu eretto alla fine del XVI secolo. Al suo interno vi sono numerose opere d’arte.

Itinerario per le Tre Città di Malta

L’itinerario più gettonato, e che consigliamo, prevede la visita della Valletta mezza giornata e l’altra metà dedicata alla scoperta delle Tre Città. Da Valletta potrete raggiungere Birgu tramite traghetto o autobus. La prima opzione vi risparmierà il rischio che l’autobus rimanga bloccato nel traffico e vi consentirà di fare una mini escursione in barca al costo di 1,50 euro.

Tra tutte le 3 città, vi consigliamo Birgu in quanto quella tenuta meglio e ha più cose da vedere. Secondo noi è quella che vale la pena dedicare più tempo, soprattutto se non ne avete a disposizione molto.

Se ancora non avete ancora un’idea chiara delle attrazioni turistiche da vedere, abbiamo creato un’idea d’itinerario di Malta di 3 giorni.

Come arrivare alle Tre Città

  • Autobus: Per raggiungere le 3 città in autobus è necessario prendere da Valletta le seguenti linee 1, 2, 3, 4. Tutte queste linee portano nelle 3 città.
  • Traghetto: Il traghetto per le 3 città è operato da Valletta Ferry Service e parte da Valletta. Il molo si trova all’altezza dei Barakka Garden, ma sarà necessario scendere al livello del mare tramite l’ascensore gratuito nei giardini stessi. Il prezzo del biglietto è 1,50 euro e andata/ritorno 2,80 euro. Il traghetto parte a cadenza regolare, uno ogni mezz’ora. Per vedere gli orari, clicca qui.

Dove dormire nelle Tre Città di Malta

Alloggiare nelle 3 città può essere sicuramente suggestivo in quanto la maggior parte degli edifici sono storici e ricordano vagamente Valletta. Tuttavia vi sconsigliamo di alloggiare in questa zona per principalmente 2 motivi:

  • Scarsa connessione dei trasporti pubblici che collegano il resto dell’isola. Per raggiungere il resto dell’isola sarà necessario cambiare autobus a Valletta e il traffico frequente non aiuta nell’impresa.
  • Pochi servizi per turisti. Queste 3 città sono molto tranquille e alloggiare in questa zone potrebbe risultare troppo piatto e potreste riscontare la mancanza di servizi per turisti.

Se in ogni caso volete dormire in questa zona, vi consigliamo Birgu. Per vedere le migliori zone vi rimandiamo alla nostra guida dedicata a dove conviene soggiornare.

Le Tre città di Malta: Vittoriosa (Birgu), Cospicua (Bormla), Senglea (L-isla)
4.2Punteggio totale
Voti lettori: (8 Voti)
Condividi con i tuoi amici
  •  
  •  
  •  
  •  

A proposito dell'autore

GiraMundo a Malta

Viviamo Malta da più di 5 anni e abbiamo creato la prima guida di Malta on-line con informazioni utili e gratuite per chiunque voglia venire in vacanza a Malta e per chi voglia vivere a Malta. Il tutto con un tocco originale.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata